LCDF symbol

Palazzo Valli Bruni
6-10 ottobre 2021

studiointervallo

studiointervallo si occupa di prodotto d’arredo e design d’interni. E dunque di progettazione dello spazio e del rapporto tra ciò che è pieno e ciò che è vuoto. Per questo non potrebbe esistere che qui, tra il pieno della città di Milano e il vuoto della campagna che la circonda, in un luogo che è anche pausa di riflessione, anticamera e condizione del pensiero creativo. Delimitato dai fossi e dai boschi, questo paesaggio di confine finisce inevitabilmente per segnare i progetti di studiointervallo, che traggono ispirazione dalla natura per poi ritornarci. Fondato da Andrea Ghisoni, lo studio persegue un’idea di progetto che nasce dall’intersezione tra l’essenzialità del segno, la luminosità delle forme e la nobiltà del lavoro artigianale, 
con l’obiettivo ultimo di rendere felici le persone. studiointervallo è a Corneliano Bertario, un piccolo borgo nei pressi della golena del fiume Adda.

image

Il mio dialogo con il 20° secolo è avvenuto con Ugo La Pietra e in modo particolare con i lavori che ha sviluppato nella seconda metà degli anni 60, quando le sue ricerche si sono focalizzate su elementi caratterizzati da strutture tissulari e con effetto randomico. Ho dunque lavorato con il materiale specifico di questi suoi lavori: il metacrilato, lavorato a freddo e quindi deformato a caldo. La mia ricerca ha portato allo sviluppo di una forma semplice descritta da due segni: la linea e il punto. E’ nata così una coppia di oggetti per la tavola, uguali ma diversi. Segno, forma e funzione in questo oggetto coincidono, e la materia è l’elemento che li caratterizza. Il prodotto sviluppato ricorda le forme sinuose di quegli anni, nei quali la presenza di un disturbo randomico va a sovrapporsi e a deformare la struttura percettiva dell’oggetto. Un disturbo che è di ordine non irrazionale ma programmatico, ciò infatti avviene sia per sovrapposizione di un oggetto con l’altro, che per accostamento.

image

Questi oggetti, se giustapposti, possono produrre serie infinite, come i segni che ne caratterizzano la superficie, così, grazie anche alle molteplici possibilità di colorazione. Il metacrilato è un materiale che ci permette di vedere attraverso, questo fa si che assuma un carattere etereo, in grado di valorizzarne il contenuto. Per caratteristiche è molto simile al vetro e come quest’ultimo può essere completamente e continuamente riciclato. Morse, è un prodotto sviluppato appositamente per Lake Como Design Festival.